Vitamina D, alleata della nostra salute

Vitamina D, alleata della nostra salute

Il 90% della vitamina D3 viene pertanto prodotta a livello della cute in seguito ad esposizione solare e solo una piccola parte viene assunta direttamente con l’alimentazione, essendo presente nel merluzzo, nello sgombro, nel salmone, nel tonno, nelle sardine e meno nel tuorlo d’uovo, fegato e formaggio.
Oggi, purtroppo, si sta verificando una carenza sempre più diffusa di vitamina D.
Le persone dalla pelle scura, avendo un quantitativo alto di melanina richiederanno un’esposizione al sole molto più prolungata dei soggetti a fototipo chiaro. Contrariamente a quanto viene consigliato, l’orario migliore per la produzione di vitamina D è quella centrale del giorno, tra le 12 e le 14 e non nelle prime ore del mattino o ultime del pomeriggio, almeno da marzo ad ottobre alle nostre latitudini. Occorre cercare quindi un compromesso per osservare sia la foto protezione antiaging sia la produzione di vitamina D. In linea generale sono sufficienti dai 10 ai 30 minuti al giorno di esposizione solare per produrre almeno 15000 U.I.
Sottolinamo che basta esporre braccia o gambe e non necessariamente solo il viso che potrà essere fotoprotetto con creme ad azione antiaging. La vitamina D, è fondamentale per mantenere le concentrazioni ideali del calcio e del fosfato, indispensabili per la corretta mineralizzazione dell’osso.
Si è visto che a tale scopo la vitamina D lavora in sinergia con la vitamina K2 che andrebbe sempre assunta insieme con adeguato rapporto, in caso di supplementazione. Alcuni studi recenti hanno messo in relazione bassi livelli di vitamina D con l’insorgenza di artrite reumatoide, sclerosi multipla, diabete, asma e infezioni respiratorie, concludendo che la vitamina D potrebbe avere un effetto protettivo nei riguardi di tali patologie. Molti studi abbracciano l’ipotesi che la vitamina D possa ridurre il rischio di sviluppare forme tumorali. Questo sarebbe dovuto al coinvolgimento della vitamina D nei meccanismi regolatori della proliferazione cellulare, agendo sull’espressione di oltre 200 geni.



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi